Cosa nutre la nostra vita? LE RAGIONI DEL CUORE


Venerdì 6, ore 21.00 in salone, Don Chino, che da anni incontra famiglie e giovani in difficoltà, ci parlerà di cosa nutre la fiducia e la voglia di vivere.

Potremo fare domande e confrontarci sui nostri stili di vita.

Come educare ai sentimenti?

Come non cedere alle lusinghe di sostanze che promettono una facile soluzione ai nostri problemi?


don-chino-pezzoli

Don Chino Pezzoli
nato a Leffe (BG) nel 1935 è diventato sacerdote della Diocesi di Milano nel 1965.
Fin dall’inizio della sua vita sacerdotale ha scelto di affiancarsi a tutte le povertà che la società presenta e crea. Il suo impegno in questo senso lo ha da sempre visto accanto a tossicodipendenti, stranieri, senzatetto, carcerati e minori in difficoltà.
Lo stile è sempre lo stesso: farsi carico della sofferenza e trovare risposte adeguate e concrete.

Ha pubblicato diversi libri che raccolgono i pensieri e le azioni che hanno ispirato in questi vent’anni il suo lavoro e quello della Fondazione, diventando un riferimento importante in campo nazionale nel settore educativo e delle dipendenze.  È al timone di una flotta che salpa da più di trent’anni per imbarcare giovani e giovanissimi naufraghi della vita, esistenze sballottate tra le ondate di un tempo che sembra appesantire le fatiche della salita per tutti, ma specialmente per le nuove generazioni.

Negli anni Ottanta fonda la Comunità Promozione Umana (registrata come Fondazione nel 1998) a sostegno dei tossicodipendenti, minori in difficoltà, ammalati di Aids ed emarginati in genere.
Sono 30 i centri operativi aperti in questi anni.

Le competenze psicologiche e pedagogiche gli permettono di condurre seminari e conferenze, di pubblicare regolarmente articoli sulle principali testate nazionali e di partecipare a trasmissioni radiofoniche e televisive. La sua terapia consiste nel rovesciare nei soggetti in trattamento terapeutico: ideali, sentimenti e desideri perché la droga, l’alcol, il gioco d’azzardo, non riempia i vuoti esistenziali, il non senso.